"Un Paese è sviluppato non quando i poveri posseggono automobili, ma quando i ricchi usano mezzi pubblici e biciclette" Gustavo Petro, sindaco di Bogotà.

Email Print

Cosa bolle in pentola?

Event 

Title:
Il Monte Pennello - Difficoltà ✰✰✰
When:
28.02.2015 
Category:
MTB - Fuoristrada rispettando la natura

Description

logo fuoristrada

Gita al monte Pennello, che sovrasta i borghi di Pegli e Prà. Si parte dalla stazione di Pontedecimo e su asfalto si passa per Campomorone e Isoverde, dove si gira in ripida salita per Gallaneto e quindi, attraversato un rio, si risale su sterrata verso il monte Larvego. Invece del percorso classico gireremo dopo l’ultimo tornante a destra per salire direttamente a Paravanico e da qui a Caffarella da dove ci immetteremo sulla provinciale per i Piani di Praglia. Seguendo la Provinciale dapprima con pendenza del 10% poi un po’ più dolce raggiungeremo il bivio per il monte Proratado e quindi il monte Pennello. Questo tratto è su sterrata prevalentemente in falsopiano ma con alcune ripide rampe con fondo molto sconnesso, in particolare l’ultimo tratto per raggiungere il Pennello al limite della pedalabilità. Dalla cima del Pennello ritorneremo sulla strada dell’andata fino ai piedi del Proratado dove gireremo per Rocca Maia su sterrata, dapprima in falsopiano poi in ripida discesa. Giunti alla cappelletta di Rocca Maia gireremo a destra per prendere un sentiero in falsopiano di difficile pedalabilità che diventerà poi una discesa ripida a tornanti su fondo roccioso molto tecnico che ci porterà direttamente a Lencisa, evitando la lunga risalita verso il paese del percorso classico. Da Lencisa prenderemo la vecchia strada per la Madonna della Guardia dapprima in salita poi in discesa con ripide rampe in cemento, fino a giungere sulla guidovia che seguiremo fino a Gaiazza. Da Gaizza prenderemo la strada per S. Pietro, quindi per sterrate e sentieri scenderemo a Villa Paco ed infine Pontedecimo.

Percorso impegantivo di circa 35 km e 1100 m di dislivello, per la maggior parte ciclabile tranne qualche breve rampa in salita dai Piani di Praglia verso il Pennello e la parte iniziale e finale del sentiero dalla cappella di Rocca Maia a Lencisa. Il percorso potrà essere variato e ridotto in funzione dei partecipanti e della presenza di neve sul tracciato.

Appuntamento alla stazione di Pontedecimo alle 7:50. Pontedecimo si può raggiungere con il treno adibito al trasporto bici n. 21108 che parte da Brignole alle 7:22, con fermata a Principe alle 7:30, Sampierdarena 7:37, Rivarolo 7:42, Bolzaneto 7:46.

Ritorno previsto da Pontedecimo con il treno delle 13:33 che arriva a Brignole alle 14:05. Attenzione che questo treno in teoria non effettua il trasporto bici, anche se di norma le bici sono tollerate.

Assicurarsi della perfetta efficienza della propria mountain-bike e portarsi camera d’aria di scorta o kit di riparazione.

Partecipazione gratuita. Prenotazione obbligatoria da effettuarsi entro le ore 19 del giorno precedente all’indirizzo e-mail adbge@libero.it.

Accompagna Giovanni

Joomla templates by a4joomla