Genova è una città in discesa

Published on Thursday, 08 May 2014 09:28
Hits: 2094

nicoladaschioIl Cicloviaggiatore Nicola da Schio è passato dalla nostra città, ecco come la descrive nel suo blog:

Ci sono (almeno) tre miti da sfatare su Genova e i genovesi: Genova non è una città per biciclette, i genovesi non sono accoglienti, Genova è una città in salita.

Mito numero 1. Genova non è una città per biciclette.
Lo dicono anche i bambini della scuola di Cristina, alcune città lo sono, ma Genova non è una città adatta alle bici.
Beh, quei bambini (e tanti altri che dicono di saperla lunga su Genova) hanno ancora qualcosa da scoprire. Ho passato pressapoco 24 ore a Genova e in bici ci sono andato benissimo.

Genova è una città con una ricchezza e una varietà incredibile: c'è il mare e ci sono le montagne, ci sono strade strette e strade larghe, c'è gente ospitale e gente meno (vedi numero 2). Quindi, forse, la verità è che Genova non è una città per un solo mezzo di trasporto (la bici, per esempio, ma anche la macchina,perché no..) Ma sicuramente e adatta anche per la bici.

Santo Grammatico, di Legambiente Liguria, mi fa notare il grande potenziale che ci sarebbe a Genova per lo sviluppo dell'intermodalità: i mezzi pubblici sono già diversissimi e si adattano alla geografia della città (nave, funicolari, filobus. Cremagliere, autobus, metro). Il problema è che non ci sono politiche per facilitare l'uso integrato di questi mezzi, e al contrario la priorità è data sempre e comunque ai mezzi motorizzati. Ci sono perfino parcheggi disegnati sul marciapiede!!

La soluzione che si sono dati alcuni genovesi è la bicicletta intermodale. La vecchia Graziella, e la sua nipotina Brompton: quelle che in Italia si chiamano bici pieghevoli, a Genova si chiamano intermodali, proprio perché le puoi portare dappertutto ("me la porto anche a fare la spesa, e perfino al cinema", dice il Capitano).

La politica invece non ha altrettanto coraggio e, nonostante le promesse in campagna elettorale, rimane ancora attaccata alla vecchia mentalità 'una macchina un voto'. Tranne nel municipio otto: il presidente Morgante è un visionario e immagina già oggi una città diversa. Mi fa vedere una mostra che il municipio ha organizzato chiedendo agli studenti di architettura di disegnare la Genova del futuro e tutti (tutti!) hanno incluso idee di mobilità sostenibile. Forse il prossimo Festival Mondiale della Ecomobilità ha trovato un quartiere candidato?

Mito numero 2. I genovesi non sono accoglienti.Io non lo so se sono stato particolarmente fortunato, ma tutte le persone che ho incontrato mi hanno trattato da re. Il circolo di Genova Amici della Bicicletta- FIAB – così come Legambiente e il municipio 8 mi hanno accolto a braccia aperte e mi ha raccontato la città. Mi sono sentito benissimo e non posso credere che i genovesi non siano ospitali.
Tutti mi hanno detto: no dai, ti invito io, che bisogna che dimostriamo che i genovesi non sono spilorci... E grazie a questa (falsa?) fama sono stato invitato all'aperitivo, a cena, a casa, a colazione, a pranzo.... Grazie amici!

Mito numero 3. Genova è una città in salita
Anche questo è falso. Ci sono un sacco di quartieri in piano che avrebbero un grandissimo potenziale ciclabile. E le montagne? Beh.. Quelle sono in discesa, ve lo assicuro.

Joomla SEF URLs by Artio