"Un Paese è sviluppato non quando i poveri posseggono automobili, ma quando i ricchi usano mezzi pubblici e biciclette" Gustavo Petro, sindaco di Bogotà.

Aspettando la primavera bici + cultura a ponente ed a levante

Doppio appuntamento il prossimo fine settimana all'insegna della bici e della cultura. FIAB Genova propone due eventi, uno a ponente ed uno a levante della nostra città.

Si parte sabato 11 marzo con una Ciclovisita alla Villa Duchessa di Galliera di Voltri. L’appuntamento è fissato per le ore 8.45 in piazza De Ferrari lato palazzo Ducale.
L’itinerario di trasferimento dal centro città alla delegazione del ponente si svolge in gran parte su strade aperte al traffico ordinario e prevede il passaggio nelle aree pedonali e nei percorsi ciclabili di recente realizzazione. Giunti alla villa, guidati dai volontari dell'Associazione Amici Villa Duchessa di Galliera e dalla APS Sistema Paesaggio si visiteranno, spostandosi in bici, il Giardino all’italiana con illustrazione della sua storia e dei lavori in corso, il Teatro storico del 1786, la Casa del Caffé, il Castello con le grotte e con le cascate artificiali. A seconda delle condizioni meteo, si potrà consumare il proprio pranzo al sacco all’interno del Castello o nella panoramica zona picnic. Dopo pranzo, salita alla bucolica valle dei daini ed al Santuario di N.S. delle Grazie. Andrea Casalino, ciclista urbano FIAB e volontario degli Amici Villa Duchessa di Galliera spiega le ragioni dell'iniziativa: “da anni la nostra associazione è impegnata con il Comune di Genova in un intenso lavoro di graduale recupero e valorizzazione del complesso storico della Villa. La bici rientra fra i mezzi pensati per questa promozione. Abbiamo già effettuato lo scorso anno una ciclo escursione nella Villa ed il suo esito positivo ha consentito di includere, all’interno del nuovo Regolamento comunale dei parchi storici, l’uso della bicicletta fra le attività permesse nel parco (pur con la prescrizione di utilizzarla solo sui percorsi indicati e di procedere a passo d’uomo o con bici a mano)”.

Il secondo appuntamento sarà domenica 12 marzo con una pedalata fino a Nervi per scoprire sulle sue alture una misteriosa colonna infame eretta alla fine dell'800 a seguito di una torbida vicenda che vide protagonisti pastifici e mugnai del levante ligure e che portò all'erezione di un'enorme monolite a perenne ricordo di quanto accaduto. L'appuntamento è fissato per le ore 9.00 in piazza De Ferrari lato palazzo Ducale, da lì si raggiungerà in bici Nervi e la sede del Circolo Canoa Verde di Legambiente dove verrà spiegato brevemente il contesto storico in cui si è manifestato l'evento. Dopo essersi rifocillati con della buona focaccia si riprenderà la bici per raggiungere il luogo della colonna infame. Domenico Carratta, volontario FIAB ed appassionato di storia locale che farà da guida ci dice “Un tempo il levante genovese era sede di un nutrito numero di pastifici di pasta secca. Le navi ormeggiavano di poppa con mare calmo davanti a Quinto e scaricavano il grano che veniva portato a dorso di mulo alle spalle di Nervi dove c'erano i mulini ad acqua. Questi mulini sono ancora lì, alcuni molto grandi, e accanto a questi c'è persino una colonna infame, retaggio di un'antica polemica fra il proprietario di uno di questi e il comune di Nervi”. Non rimane che andare in bici a vedere com'è finita questa storia.

La partecipazione ad entrambi gli eventi è libera e gratuita. I ciclisti dovranno procedere in fila per uno rispettando le norme del codice della strada. Ulteriori informazioni sul sito www.adbgenova.it – alla pagina Facebook Circolo FIAB Amici della Bicicletta – Genova – alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Joomla templates by a4joomla